Roland Garros finale: Nadal e lo zio Toni furiosi, Djokovic distrugge la panca, video

Scritto da: -

La finale del Roland Garros tra Nadal e Djokovic riprende oggi alle 13. Ieri, non sono mancate le polemiche. Nadal e lo zio Toni hanno inveito contro il supervisor. A loro dire il match andava fermato prima per la pioggia.

nadal-djokovic-finale-rolandgarros.jpg
Non è stata, finora, una bella finale quella tra Nadal e Djokovic. Tre ore di tennis estremo, di piattume, di “tira e corri” senza variazioni. Poi sono arrivate la pioggia, la sospensione, il rinvio, e le polemiche. 

Chi ha visto la partita non ha potuto non notare il disappunto di Nadal che, travolto, nel terzo set da un parziale di 6 giochi di fila, ha inveito contro il supervisor Fransson per la mancata sospensione del match a causa della pioggia che continuava a cadere incessantemente dopo il primo stop momentaneo arrivato durante il secondo set. “Non prendi mai una decisione, il gioco andava fermato prima”, questa la frase rivolta da Rafa, nervosissimo, a Fransson. Negli spogliatoi ci ha pensato poi zio Toni a rincarare la dose insultando il supervisor con una parolina (“Puta”) non proprio edificante

Poco prima era stato Djokovic a mostrare una certa insofferenza. Perso il servizio nel momento decisivo del secondo set, Nole ha sfogato la sua rabbia spaccando la panca a bordo campo con una violenta racchettata. Un gesto in tutto simile a quello della finale di Roma, quando vittima del malumore di Djokovic fu l’attrezzo di gioco disintegrato sul paletto di sostegno della rete.

Ho scritto all’inizio di tennis estremo. Guardate un pò che scambio a inizio quarto set. 44 colpi. La spunta Djokovic. Nadal è alla corde. Poi, arriva, provvidenziale la sospensione. Oggi sapremo chi vincerà il Roland Garros ma, di certo, questa, non sarà una finale indimenticabile.
             

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 10 voti.