Us Open 2011: Federer sbotta "è solo colpa mia"

Scritto da: -

E' un Federer sconsolato quello che si è presentato in conferenza dopo la semifinale persa malamente contro Djokovic. Sconfitta difficile da digerire per l'elvetico che come al solito non si nasconde

federer-pressconference.jpg 

E’ un Federer sconsolato quello che si è presentato in conferenza dopo la semifinale persa malamente contro Djokovic. Sconfitta difficile da digerire per l’elvetico che come al solito non si nasconde.

Devo prendermela con me stesso - esordisce Roger - Certe situazioni si ripetono. Lui sembrava fuori dalla partita ma finchè non conosciamo l’epilogo tutti abbiamo una chance. Questo è lo sport e lo amiamo per questo.”
Retorica a parte, lo svizzero non riesce a capacitarsi: “E’ difficile spiegare questa sconfitta, credo di aver giocato bene. Non è facile parlare, perchè mi sento come se dovessi fare un’altra conferenza stampa. E’ una sconfitta che fa male”.
La partita è cambiata con quel dritto memorabile con cui Djokovic ha annullato il primo dei due match point non sfruttati da Federer. Bravura o fortuna ?. Roger non ha dubbi: “Era già fuori dal match, quindi ha trovato quel colpo di fortuna ed eccoci qua. E’ difficile per me capire come puoi giocare un colpo come quello sul match point.”

Per la prima volta dal 2002, Federer chiuderà la sua stagione senza aver vinto uno Slam. Da grande campione qual’è, Roger pensa già alle prossime sfide, prima fra tutte lo spareggio di Coppa Davis che vedrà opposte da venerdì Svizzera e Australia: “Ora vado in Australia con grandi motivazioni ma Ho ancora obiettivi per quest’anno: Basilea, mio torneo di casa, le ATP Finals, per le quali sono già qualificato.” Non credo di sbagliarmi nell’azzardare che Roger avrebbe volentieri barattato tutto questo pur di trionfare lunedì prossimo a Flushing Meadows..

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!